Aleksandar Vucic oggi a Brussels per eurointegrazione e Kosovo

Il primo ministro serbo Aleksandar Vucic visiterà oggi Brusseles dove si incontrerà con il Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, il Commissario europeo per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn, nonchè il primo ministro albanese Edi Rama. Poi, Vucic parteciperà alla continuazione del dialogo tra Belgrado e Pristina. 

L’argomento principale del dialogo del primo ministro serbo con Donald Tusk sarà il progresso della Serbia nel processo dell’adesione all’Unione europea e il progresso dei negoziati per la normalizzazione dei rapporti con Pristina.

Inoltre, Vucic si incontrerà anche con il Commissario per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn e parteciperà alla riunione di sei paesi dei Balcani occidentali, dedicato alla integrazione del trasporto regionale all’interno della rete europea.

Alla conferenza si discutterà sui progetti infrastrutturali, affinchè possano essere collegati tutti i capoluoghi, porti e centri finanziari della regione. A questo mini summit sarà presente anche la vicepresidente del governo serbo e il ministro delle costruzioni, trasporti ed infrastruttura, Zorana Mihajlovic. Dalla parte kosovara sarà presente primo ministro del Kosovo, Isa Mustafa e il ministro degli affari esteri, Hashim Tachi, i quali parteciperanno poi nel nuovo turno del dialogo.

Precedentemente da Brusseles è stato comunicato che l’Unione europea ha diretto circa un miliardo di euro dai fondi di pre-adesione (IPA) per le infrastrutture in questa regione, mentre si aspettano anche i fondi dalla Banca Europea per gli Investimenti e dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

Più tardi, il presidente del governo serbo inizierà un nuovo turno dei negoziati con il primo ministro kosovaro, Isa Mustafa, negoziati coordinati dall’Alto Rappresentate per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini.

Inoltre, dall’ufficio dell’Alto Rappresentante viene comunicato che saranno valutati anche i progressi nell’implementazione degli accordi conseguiti finora e sarà discusso il corso futuro della normalizzazione dei rapporti tra Belgrado e Pristina.

(RTS, 21.04.2015.)

Share this post

scroll to top