Al via oggi il vertice dell’iniziativa “Open Balkan”

Il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, e i Premier dell’Albania e della Macedonia del Nord, Edi Rama e Dimitar Kovačevski, presiederanno oggi il vertice a Belgrado nell’ambito dell’iniziativa “Balcani aperti” (Open Balkan). Questo incontro vedrà la partecipazione del Primo Ministro del Montenegro con mandato tecnico, Dritan Abazovic, del Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia-Erzegovina, Zoran Tegeltija, nonché dei Ministri degli Affari Esteri dell’Ungheria e Turchia, Peter Sijarto e Mevlut Cavusoglu.

Come annunciato dalla Presidenza della Serbia, il vertice sarà ufficialmente aperto alle 10:00 con incontri dei leader con i rappresentanti delle istituzioni responsabili dell’attrazione degli investimenti, nonché con i rappresentanti dei gruppi di crisi per l’approvvigionamento di cibo ed energia all’interno dell’iniziativa. Alle 13 è prevista la firma di accordi bilaterali e una conferenza stampa congiunta.

Questo è il secondo Summit dei Paesi “Balcani Aperti”, al quale parteciperanno anche i rappresentanti del Montenegro e della Bosnia ed Erzegovina, che ancora non hanno aderito ufficialmente all’iniziativa, e l’incontro di oggi è stato preceduto dall’apertura ieri della prima fiera internazionale del vino “Wine Vision of the Open Balkan”, che si terrà alla fiera di Belgrado fino al 4 settembre. L’iniziativa è stata lanciata nel 2019 con il nome di Mini Schengen ed è stata ribattezzata “Open Balkan” al vertice di Skopje nel luglio 2021. È stato lanciata dai leader di Serbia, Albania e Macedonia del Nord con l’obiettivo di avere una libera circolazione di beni, servizi, persone e capitali secondo il modello dell’Ue ed è aperta alle altre economie della regione.

Come annunciato, i leader dei Paesi dell’iniziativa “Open Balkan” (OB) firmeranno oggi un accordo che regolerà la cooperazione nel campo della sicurezza alimentare. Le due parti più importanti di quel documento riguarderanno le garanzie che Serbia, Macedonia del Nord e Albania avranno la priorità nello scambio reciproco dei generi alimentari di base, in modo che la popolazione di quei Paesi abbia cibo a sufficienza in situazioni di crisi, nonché alcuni meccanismi per impedire il riordino degli alimenti verso altri mercati terzi.

Il Ministero dell’Agricoltura serbo prevede che gli scambi commerciali nel campo della produzione alimentare con l’Albania aumenteranno in futuro, a causa della crescente attrattiva della costa albanese per i turisti stranieri. Inoltre, ricordano che la prossima fiera del vino servirà anche a promuovere l’offerta turistica dei paesi OB.

Il primo ministro macedone ha affermato che al vertice di Belgrado, i governi e i ministeri competenti discuteranno intensamente sulla ricerca di modi concreti per fornire cibo ed energia sufficienti per superare l’inverno più duro dalla seconda guerra mondiale. Un’attenzione particolare, come afferma, sarà concentrata nel garantire che la regione abbia sempre forniture alimentari ed energetiche, con un flusso senza ostacoli di prodotti alimentari di base. “Come buoni vicini, come abbiamo fatto finora, ci aiuteremo a vicenda”, ha detto Kovačevski, alla sua prima visita ufficiale a Belgrado.

A proposito, “Wine Vision OB”, come annunciato, riunirà i migliori produttori di vino della regione alla Fiera di Belgrado e promuoverà i Balcani come una destinazione turistica e vinicola sempre più popolare. Alla Fiera del vino, che si terrà fino a domenica, secondo il presidente della Camera di commercio serba (PKS) Marko Čadež, sono attesi circa 360 espositori e produttori di vino provenienti da più di 20 Paesi del mondo. A breve è previsto il rilascio di un numero identificativo comune, ovvero i primi permessi di lavoro, che consentirà ai datori di lavoro degli OB di trovare più facilmente personale e ai lavoratori un impiego.

“Tutti i problemi energetici scottanti che la regione potrebbe dover affrontare nel prossimo inverno saranno risolti insieme e sistematicamente”, è stato concordato durante l’incontro tra rappresentanti di governi, amministrazioni e associazioni imprenditoriali che si è tenuto a Tirana a luglio. Čadež ha poi affermato che nell’ambito dei Balcani aperti non ci sarà il divieto di circolazione di farina, zucchero, olio e altri generi alimentari di base, cosa che sarà confermata dall’accordo in preparazione e che sarà firmato a breve. Secondo i dati “PKS”, lo scambio di prodotti alimentari già in questo breve periodo, da quando sono iniziate ad essere applicate alcune delle prime misure concordate, è aumentato di circa il 15 per cento e c’è molto spazio per aumentarlo. Il commercio totale di merci della Serbia con l’Albania e la Macedonia del Nord nel 2021 è stato di 1.372 miliardi di euro. Le esportazioni serbe verso due membri degli Open Balkan valevano poco più di un miliardo di dollari, mentre la Serbia ha importato merci per 367 milioni di euro. Inoltre, i cittadini di Serbia, Albania e Macedonia del Nord possono viaggiare in questi tre Paesi solo con una carta d’identità.

Fin dai primi pareri positivi di Dritan Abazovic sull’iniziativa Balcani aperti e dalla sua presenza al Vertice di Ohrid, è stata sollevata la questione se il Montenegro ne entrerà a far parte. Abazović ha detto in precedenza a “Euronews Serbia” che è stato formato un organismo di lavoro per analizzare l’iniziativa “Open Balkan”. “Se tutto va bene alla fine di quell’analisi, non vedo alcun problema”, ha detto. Ora però il Montenegro si trova in una crisi politica e con il governo in un mandato tecnico da quando il governo di Abazović è stato rovesciato due settimane fa.

Il presidente del Consiglio dei ministri della Bosnia ed Erzegovina, Zoran Tegeltija, ha affermato di auspicare che alla fine la Presidenza della Bosnia ed Erzegovina decida che la Bosnia aderirà all’iniziativa Balcani aperti e che poi le istituzioni della Bosnia e l’Erzegovina dovranno lavorare rapidamente per cercare di avvicinarsi il più possibile a ciò che i tre Paesi membri hanno già raggiunto. Ha detto che, per quanto riguarda la Bosnia-Erzegovina, è positivo “che almeno quei tre Paesi si aprano e amplino la cooperazione, ma che al momento non ci sono notizie incoraggianti per i cittadini della Bosnia o per l’economia quando si tratta di i Balcani aperti”.

Anche il Kosovo è invitato ad aderire all’iniziativa, ma per il momento i disaccordi politici lo impediscono.

Photo credits: “Tanjug/Miloš Milivojević”

https://www.euronews.rs/srbija/politika/60870/samit-otvorenog-balkana-uz-prisustvo-crne-gore-i-bih-na-stolu-novi-sporazumi-u-beogradu-i-sijarto-i-cavusoglu/vest

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top