Aktor: ingenti anticipi, ma poco lavoro sull’autostrada

La società Corridoi della Serbia (KORIDORI Srbije) ha omesso di controllare adeguatamente le opere eseguite sui tratti di autostrada in direzione della Bulgaria, costruiti dalla società Aktor, e non ha risolto il contratto con il contraente che non è riuscito a soddisfare i propri obblighi contrattuali.

L’impresa di costruzioni greca Aktor ha ricevuto oltre 23 milioni di euro in pagamenti anticipati per il lavoro extra non coperto dal suddetto accordo.

Questo è ciò che afferma il rapporto compilato da una task force costituita dalla Ministra dell’Edilizia, Zorana Mihajlovic. La task force ha dovuto analizzare la situazione relativa alla costruzione dei tratti Bancarevo-Crvena Reka, Crvena Reka-Ciflik, e Staničenje-Pirot est, e sulla tangenziale di Dimitrovgrad.

Secondo il rapporto, la società serba avrebbe chiuso un occhio di fronte alle inadempienze contrattuali di Aktor e al mancato rispetto delle scadenze contrattuali. Il conto corrente bancario di Aktor è stato congelato per oltre un anno, e questo è solo uno degli elementi ignorato da Corridoi della Serbia, accusata di essere stata lenta nella reazione.

Il rapporto prosegue stabilendo che Aktor non ha lavorato su tutti e quattro i segmenti contemporaneamente, in assenza di forza lavoro, macchinari, attrezzature e materiale necessario per lavorare senza fermarsi: “ciò ha provocato la latenza costante e la violazione dei termini contrattuali, così come le richieste da parte di Aktor di anticipi, risarcimenti e pagamenti per l’acquisto di materiali con il pretesto di accelerare le opere”.

La società serba sostiene di aver emesso pagamenti anticipati, e di aver fatto fronte a richieste di risarcimento e alle fatture in linea con l’accordo firmato, in seguito all’approvazione delle banche che hanno finanziato i progetti.

“La ragione principale dei ritardi è stata rappresentata da problemi relativi alle espropriazioni dei terreni. Le tasse per gli espropri sono state pagate fino al 2016, invece che fino al 2012. Inadeguatezze e incompletezze nelle bozze progettuali redatte nel periodo dal 2009 al 2012 hanno anche determinato i ritardi. Tutti i pagamenti e le modifiche all’accordo sono state disposte in linea con la procedura molto rigorosa che viene descritta nei contratti con gli appaltatori, e secondo accordi con i creditori internazionali (Banca Mondiale, BERS, BEI)”, ha comunicato la società Corridoi della Serbia.

(Vecernje Novosti, 25.01.2017)

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:646263-Koridori-Aktoru-veliki-avansi-za-malo-uradjenog-posla

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top