Ajvar, regina delle insalate d’inverno

L’Ajvar, strana parola del passato di origine turca, vicina per etimologia alla parola “caviale”, è prodotto in molti paesi dei Balcani, che, a turno, negli ultimi anni hanno tentato di rivendicarne l’esclusività della ricetta originale. 

In Serbia, però, non vi è alcun dubbio che l'”Ajvar da Leskovac”, grazie ad un’antica tradizione e a condizioni climatiche uniche, sia una spanna sopra gli altri.

In sostanza, l’ajvar è una crema speziata che pu essere servita con formaggi a pasta molle e carne di maiale, o semplicemente spalmata su una fetta di pane in ogni occasione. La Serbia meridionale, concentrata principalmente intorno alla regione di Leskovac, è conosciuta come la “terra di peperoni” o la “terra della paprika”, considerato vegetale tradizionale ed prodotto caratteristico della Serbia. L’ajvar, nella sua versione dolce o piccante, rappresenta ‘la regina’ tra le insalate d’inverno. Tende ad essere un alimento di base nei pasti familiari e nelle feste di qualsiasi tipo durante quasi tutto l’anno.

Scambiato da molti per una semplice guarnizione o condimento, l’ajvar offre molto di più: ben si sposa con una pagnotta di pane di mais, pezzi di formaggio, carne di maiale affumicato, hamburger, uno o due spicchio d’aglio, ćevapi, polenta, e così via e così via, ma per chi lo produce e ne conosce appieno le caratteristiche, può anche essere consumato indipendentemente.

Dopo la raccolta e tostatura, i peperoni vengono privati della loro pelle, che spesso si annerisce durante la cottura al forno. Dopo una notte di ‘riposo’, i peperoni vengono tagliati, tagliati, scheggiati, o tritati in qualsiasi modo tradizionale. Successivamente vengono posti in una pentola di latta piuttosto ampia per il lungo processo di cottura, che, ebollizione e mescolamente incluse, può durare diverse ore. Olio, sale e aceto vengono aggiunti per condire la miscela in modo che i peperoni possano eventualmente assorbire il sapore. “Non dovrebbe bollire, ma friggere”, e norma consiglia di giocherellare con un grosso mestolo di legno in bilico sopra il ‘piatto’ durante tutto il tempo. “Bisogna armarsi di tanta pazienza e assicurarsi un surplus di energia, perché tutto deve essere agitato a mano ‘dall’inizio alla fine”. Durante la cottura, ogni sorta di altri ingredienti essenziali vengono aggiunti: sale, zucchero, olio di girasole, aceto e vino.

L’ajvar può essere acquistato presso i supermercati locali, ma se ne consiglia l’acquisto direttamente da piccoli produttori o da gente del posto che lo produce a livello domestico, senza conservanti aggiuntivi.

(StiilInBelgrade, 29.12.2016)

http://stillinbelgrade.com/ajvar-a-queen-amongst-the-winter-salads/

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top