Ai contribuenti fiscali l’obbligo di controllare la posta elettronica

Dallo scorso anno l’Amministrazione fiscale poteva inviare le sue decisioni sulla casella di posta elettronica. Ora, con le modifiche proposte alla legge sulla procedura e l’amministrazione fiscale che aspettano il passaggio in parlamento, anche i contribuenti potranno richiedere i certificati elettronicamente a partire dal primo giorno del 2021.

Il problema è che l’amministrazione fiscale, quasi di regola, risponderà e invierà tutti gli altri atti in via elettronica, scrive “Večernje novosti”, e chi non ha l’abitudine di controllare la casella di posta letteralmente ogni giorno, rischia di perdere l’occasione di presentare reclamo al fisco.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il disegno di legge afferma che anche i contribuenti possono presentare le loro richieste in formato elettronico, attraverso il portale dell’Amministrazione fiscale. E per i cittadini che hanno contattato le autorità fiscali in questo modo, le stesse risponderanno loro elettronicamente, senza chiederne il consenso. Per i cittadini che continuano a utilizzare la carta, sarà comunque inviata la documentazione per posta elettronica, se sono d’accordo.

Tuttavia, i consulenti fiscali avvertono che le scadenze per i contribuenti sono state notevolmente abbreviate in questo modo, comprese quelle per i ricorsi.

“Prima delle modifiche dello scorso anno, gli atti fiscali erano considerati consegnati al contribuente quando gli erano stati consegnati o il 15° giorno dal giorno dell’invio della spedizione”, spiega Aleksandar Vasić, membro del consiglio dell’Associazione dei consulenti fiscali della Serbia.

“Solo a partire dal 15° giorno decorre il periodo di 15 giorni. Le modifiche del 2019 stabiliscono che un atto fiscale presentato elettronicamente è considerato consegnato il “giorno della pubblicazione sul portale dell’Amministrazione fiscale”. Se il contribuente non controlla la sua casella di posta ogni giorno, le scadenze sono molto abbreviate. Se il documento arriva nel pomeriggio il contribuente non ha la possibilità temporale di prenderlo ed eventualmente fare ricorso, quindi questa procedura va contro al suo diritto previsto dalla legge”, ha detto Vasic.

I consulenti fiscali sottolineano che questo è un grosso problema per tutti i contribuenti, perché nessuno controlla la casella di posta 365 giorni all’anno.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2020&mm=11&dd=17&nav_id=1765419

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in amministrazione fiscale, contribuenti fiscali, posta elettronica
Lo stipendio lordo medio di un “freelance” in Serbia è di 80.000 dinari

Ci sono circa 28.000 milionari (in dinari) in Serbia, principalmente a Nuova Belgrado

Close