Ai cittadini della Serbia interessa l’ecologia, ma c’è un però

I cittadini della Serbia generalmente sostengono l’ecologia e la protezione dell’ambiente, ma allo stesso tempo sono un po’ confusi sulle conseguenze di ciò, e quello che li preoccupa di più è quanto costerà a loro la cura e lo sforzo per queste cose. Tuttavia, le questioni ambientali sono viste come una delle priorità nazionali, dietro l’economia, la salute e l’occupazione, e molto al di sopra dello stato di diritto, le questioni sociali e la libertà dei media.

Tra i belgradesi la questione ambientale è al primo posto, con il 43% degli intervistati che l’hanno messa al primo posto. Lo dimostrano, tra l’altro, i dati della ricerca della Fondazione “Heinrich Bell”, che suggeriscono anche che l’opinione dei cittadini è che ecologia ed economia debbano andare “a braccetto”, e ben il 76% dei i cittadini crede a questo.

Quando si parla di cambiamento climatico, ben l’87% si dice preoccupato. Tuttavia, queste risposte mostrano anche una certa confusione perché si scontrano con quelle in cui si deve rispondere a come si può influenzare e quanto sia importante questa cosa. Più precisamente, il 48% di loro pensa che si tratti di un fenomeno naturale e che non si possa fare nulla a riguardo. Inoltre, il 40% degli intervistati ha affermato che i media esagerano con il problema del cambiamento climatico e il 65% afferma che ci sono problemi più importanti.

Alla domanda su quando si aspettano di risolvere tutti questi problemi e agire, il 46% dei cittadini a livello nazionale ritiene che la responsabilità sia del governo e la loro al secondo posto. C’è un altro disaccordo nelle opinioni sull’ambiente, perché quando si tratta di Belgrado, vedono il governo e le amministrazioni locali come principali responsabili e loro stessi come il più grande ostacolo al miglioramento della situazione.

Alla domanda su cosa fare per migliorare l’ambiente, il 46% degli intervistati vede il riciclo come idea, il 40% dice di eliminare i sacchetti di plastica e ben il 39% ritiene che dovrebbero essere introdotte sanzioni più severe per la violazione delle leggi ambientali locali.

Quando si tratta della potenziale rinuncia o dell’introduzione di nuove soluzioni, l’alfa e l’omega di tutto sono i soldi, o il prezzo di quanto questo costa. Il 79% si è detto pronto a passare a fonti alternative di elettricità allo scopo di ridurre l’inquinamento, ma quasi la stessa percentuale di cittadini serbi e di Belgrado vorrebbe questa cosa a condizione che l’aumento dei costi dell’elettricità fosse moderato.

La stragrande maggioranza ha anche dichiarato di essere pronta a partecipare personalmente ad iniziative, dalla gestione dei rifiuti, alla piantumazione di alberi, al riciclaggio, e sul motivo per cui non adottano già le misure che la maggior parte dice di volere non c’è stata una risposta concreta.

Oltre il 75% di loro sarebbe pronto a vietare l’importazione di auto di età superiore ai 15 anni, che non sono conformi agli standard dell’Unione europea per la protezione ambientale, ma il 41% dei cittadini serbi e il 37% dei belgradesi affermano che sosterrebbero questo passo solo se il governo fornisse dei sussidi per l’acquisto delle auto meno vecchie.

Inoltre, tutti concordano sul fatto che le persone impiegate nell’industria inquinante non possono semplicemente perdere il lavoro se verranno prese delle misure allo scopo di chiudere questo ramo. Alla domanda su una soluzione a questo problema, il 37% pensa che dovrebbero essere costruite nuove industrie pulite e i lavoratori riassunti, il 27% pensa che la riqualificazione sia la soluzione e il 10% che dovrebbero essere aiutate le piccole imprese.

https://www.blic.rs/vesti/politika/ekologija-medju-nacionalnim-prioritetima-istrazivanje-gradani-hoce-zdravu-zivotnu/zr0xt9m

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top