Agroalimentare: innovazione e tecnologia in Vojvodina

La Vojvodina rappresenta un luogo ideale per la combinazione di tecnologie agricole e quelle informatiche (IT): è qui che ha scelto di operare InoSens, società di consulenza fondata nel 2014 a Novi Sad e finalizzata alla creazione di valore nella catena agroalimentare, attraverso l’applicazione di tecnologie innovative. Obiettivo della società è quello di fondere l’approccio creativo con l’interesse a sviluppare il business a vantaggio della regione “sviluppando tecnologie rivoluzionarie per la nuova economia dei prodotti agro-alimentari”. 

Le innovazioni nel settore agroalimentare hanno finora riguardato le formule per i fertilizzanti chimici, pesticidi o l’ingegneria genetica. Gli agricoltori, soprattutto quelli più giovani, stanno però iniziando a utilizzare la tecnologia in misura sempre maggiore al fine di raccogliere e analizzare i dati provenienti dal campo, ottimizzando in tal modo le condizioni di crescita. Analizzando le informazioni si può ottenere un quadro più chiaro dello stato di salute dei raccolti, essere consapevoli dei potenziali problemi, così come imparare ad implementare fertilizzanti, pesticidi e acqua in modo più efficiente. L’uso delle tecnologie può inoltre agevolare gli agricoltori a raggiungere i clienti nelle città direttamente, eliminando la necessità di mediatori. 

InoSens offre tre tipi principali di soluzioni innovative: quelle che aiutano gli agricoltori a ottimizzare la produzione, soluzioni che aiutano gli agricoltori a raggiungere il maggior numero possibile di clienti e migliorare la vendita dei loro prodotti e quelli basati sulle ITC, che rendono i servizi forniti dal settore pubblico nel campo del cibo e l’agricoltura, come le sovvenzioni, più trasparenti ed efficienti.

“Internet, le tecnologie mobili e la robotica avanzata hanno il potenziale per connettere agricoltori e consumatori, e siamo in grado di offrire soluzioni che soddisfino entrambe le parti: da un lato agli agricoltori è garantito un reddito sostenibile, e gli utenti possono godere di cibo di alta qualità di provenienza locale”, spiega Maja Zikic di InoSens.

L’azienda è attualmente coinvolta in cinque grandi progetti nell’ambito del programma Horizon 2020, il che le ha consentito l’ampliamento della propria rete, l’accesso alle tecnologie di sviluppo più avanzata e visibilità nei mercati europei: “consideriamo i progetti europei come leva, sia finanziariamente che in termini di marketing, e dal momento che operiamo in un mercato in via di sviluppo, abbiamo bisogno della conferma di eccellenza da parte della Commissione Europea al fine di trasmettere il nostro messaggio attraverso catene di valore”.

La sfida principale che InoSens ha affrontato finora riguarda l’adattamento della propria ambiziosa visione con il quadro dell’attuale crisi economica, che non agevola gli investimenti in tecnologia, sia a livello regionale che a livello europeo, ma i progetti non per questo si arrestano: “abbiamo appena iniziato a sviluppare la prima piattaforma europea di servizi di negoziazione nel settore dell’agricoltura di precisione (Uber per i servizi agronomici basati sulle TIC), e stiamo anche investendo in due nuove tecnologie. Il primo è un sistema di click-and-collect per prodotti agroalimentari, basato sulla robotica. Esso consente agli agricoltori di fornire loro prodotti ai clienti in modo efficiente e conveniente. Inoltre, stiamo lavorando su come applicare le cosiddette tecnologie blockchain in vari settori” conclude Maja Zikic. 

(eKapija, 15.07.2016)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top