Acquisizione di Telenor Bank: lo zampino del KKR?

I media hanno ipotizzato che il fondo di investimento bulgaro, River Styxx Capital, che intendeva acquistare Telenor Bank in Serbia, sia effettivamente controllato dal fondo americano KKR, gestito dall’ex direttore della CIA, diventato imprenditore, David Petraeus.
Tuttavia, il proprietario di River Styxx Capital, Elvin Guri nega con veemenza questa affermazione: “La risposta è inequivocabilmente “no”. Non ho mai lavorato con o per KKR o per nessuno dei suoi partner locali in Serbia, a qualsiasi titolo. Non ho lavorato nel settore dei cavi o delle telecomunicazioni, né attraverso il mio fondo né come dipendente. Non ho alcun interesse nel settore delle telecomunicazioni”. Guri è categorico sulle accuse dei media.
Kohlberg Kravis Roberts & Co. L.P. (insieme ai suoi affiliati noti come “KKR”) ha acquisito la banda larga serba (SBB)/Gruppo Telemach nel 2013 da Mid Europa Partners. Generale degli Stati Uniti in pensione ed ex direttore della CIA, David H. Petraeus ha aderito a KKR nel mese di giugno 2013 ed è Presidente del KKR Global Institute, che sostiene comitati di investimento, società in portafoglio, e soci limitati con analisi delle tendenze geopolitiche e macroeconomiche, come così come di questioni ambientali, sociali e di governance.
Le turbolenze sulla vendita fallita di Telenor Bank al fondo di investimento bulgaro non si sono ancora dissipate. Appena un giorno dopo che NBS ha annunciato di aver bloccato il permesso di acquisire una partecipazione nelle banche di cui sopra, la Commissione per la tutela della concorrenza ha annunciato di aver sospeso la procedura successivamente richiesta di Telenor per un partenariato strategico con la loro Telenor Bank archiviata a novembre 2017.
(Vecernje Novosti, 07.02.2018)

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top