Acqua: aumento dei prezzi nei prossimi 5 anni

Nei prossimi cinque o sei anni, il prezzo dell’acqua in Serbia dovrebbe raggiungere la somma di circa 1,35 euro per metro cubo. In conseguenza di questo aumento, la bolletta dell’acqua per alcune famiglie potrebbe raddoppiare o addirittura triplicare.

Questo è ciò che stabilisce la Strategia di gestione delle acque, documento che dovrebbe essere adottato entro la fine dell’anno, e che stabilisce norme che dovrebbero rimanere in vigore fino al 2034. L’innalzamento del prezzo dell’acqua soddisfa una delle richieste pervenute dalla Banca Mondiale (BM), secondo cui l’attuale prezzo dell’acqua in Serbia, inferiore a 50 dinari, non avrebbe una giustificazione economica. Di conseguenza, il paese non dispone di fondi sufficienti per investire nel sistema di fornitura e canalizzazione dell’acqua, fondamentale per assicurare la buona qualità dell’acqua potabile.

Secondo la Banca Mondiale, la Serbia avrebbe bisogno di una cifra che ammonta tra i 200 e i 300 milioni di euro all’anno per questo scopo, a fronte della spesa attuale, stimata intorno ai 150 milioni di euro. La strategia prevede inoltre, a partire dal 2034, l’investimento di 8,5 miliardi di euro destinati al miglioramento delle infrastrutture di approvvigionamento idrico e canalizzazione dell’acqua e all’adeguamento dei sistemi di prevenzione delle inondazioni.

Al momento, sono le autorità locali a determinare i prezzi nelle zone di loro competenza, in linea con la normativa in materia. A dispetto degli esistenti criteri per determinare la quota, la differenza di prezzo tra le autorità locali arriva a raggiungere anche i 70 dinari per metro cubo. Secondo l’ex presidente della Conferenza permanente delle città e dei comuni, Saša Paunović, ciò è determinato da “ignoranza, negligenza o ragioni politiche”.

Un rappresentante della Banca Mondiale, David Michod ha affermato che la Banca ha analizzato oltre 400 società di servizi nella regione del Danubio e ha concluso che le società di servizi del settore in Serbia hanno molti più dipendenti rispetto alle loro omologhe dell’UE. “Inoltre, la Serbia non è il paese più povero della regione, ma ha uno dei prezzi più bassi dell’acqua”, ha aggiunto Michod.

(Blic, 2016/09/06)

http://www.blic.rs/vesti/drustvo/voda-u-srbiji-ce-duplo-da-poskupi-evo-i-zasto/ejzcl2s

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... acqua, Banca Mondiale
UE richiede la nuova Legge sulle privatizzazioni: strada aperta per vendita delle risorse strategiche

EPS, esempio allarmante: l’analisi di Verheijen

Chiudi