Accuse penali per inquinamento al direttore della cinese “Zidjin” a Bor

Alla fine dello scorso anno, la società cinese ha acquistato il complesso minerario di Bor (RTB). Gli organizzatori delle proteste anti-inquinamento hanno presentato una denuncia penale contro la “Srbija Zidjin Bor Koper”, che ritengono responsabile dell’eccessivo inquinamento provocato dalla fusione del rame.

Gli organizzatori della protesta affermano che l’aumento della concentrazione di fumi nocivi nella città è iniziato proprio quando il nuovo proprietario cinese ha aumentato la produzione.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Chi è responsabile dell’aumento dell’inquinamento atmosferico a Bor?

Una domanda presentata alla Procura di Bor asserisce il sospetto che il direttore della “Zidjin”, Long Yi, abbia commesso il reato di inquinamento ambientale.

Sono state anche presentate accuse penali contro il sindaco di Bor, Aleksandar Milikic, e il Ministro dell’Ambiente Goran Trivan, che sono accusati di non aver adottato adeguate misure ambientali.

L’accusa è stata presentata congiuntamente dagli organizzatori della protesta: Irena Zivkovic, presidente del comitato comunale del Partito di libertà e giustizia dell’opposizione, dal consigliere dell’opposizione Sasa Stankovic, da Marko Janjic dell’associazione “Izbor postoji” e da Vladimir Stojicevic dell’associazione “Glasno za omladinu”.

L’accusa sostiene che nel periodo gennaio-novembre 2019, si è verificato un eccessivo inquinamento atmosferico nel territorio di Bor e dintorni, a livello di pericolo per la salute umana, ovvero l’inquinamento ha superato le soglie di tolleranza.

Facendo riferimento al monitoraggio della qualità dell’aria da parte dell’Agenzia per la protezione ambientale in due siti di misurazione per il periodo agosto-settembre, si afferma che la concentrazione di biossido di zolfo fino a 2.000 microgrammi per metro cubo è stata misurata a determinati intervalli di tempo a settembre, mentre ad agosto la concentrazione di arsenico era anche fino a 200 volte il limite di tolleranza.

Diverse proteste contro l’inquinamento sono state organizzate a Bor negli ultimi mesi. Finora, il sindaco Milikic ha tenuto diversi incontri con i rappresentanti della compagnia “Zidjin” per fermare l’inquinamento.

La compagnia cinese ha affermato in una precedente dichiarazione di aver ereditato la “RTB” in cattive condizioni e che avrebbe adottato misure e fatto nuovi investimenti per fermare l’inquinamento.

https://www.slobodnaevropa.org/a/bor-krivi%C4%8Dna-prijava-protiv-direktora-kineskog-zi%C4%91ina-zbog-zaga%C4%91enja-/30303844.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Bor, Inquinamento, RTB
Vucic: “Ho parlato con Sem Fabrizi per vietare la circolazione dei veicoli “Euro 3″ in Serbia”

Belgrado guida la classifica delle città più inquinate del pianeta

Chiudi