L’accordo di libero scambio tra Serbia e Cina in vigore da oggi

L’accordo di libero scambio (ALS) tra Cina e Serbia entrerà in vigore oggi, 1° luglio, poiché entrambi i Paesi hanno completato i rispettivi processi di approvazione nazionale, ha annunciato venerdì il Ministero del Commercio cinese (MDC).

Secondo l’accordo firmato nell’ottobre 2023, circa il 90% dei prodotti scambiati tra Cina e Serbia saranno esenti da tariffe, mentre oltre il 60% di essi godrà di tariffe zero subito dopo l’entrata in vigore dell’accordo.

Le tariffe doganali su oltre il 95% dei prodotti saranno gradualmente ridotte a zero, ha aggiunto il MDC.

L’attuazione dell’accordo di libero scambio promuoverà il potenziamento globale della cooperazione economica e commerciale bilaterale e imprimerà nuovo slancio all’approfondimento del partenariato strategico globale Cina-Serbia e alla costruzione di una comunità Cina-Serbia con un futuro condiviso nella nuova era, ha dichiarato il MDC.

Dopo l’entrata in vigore dell’accordo, la Cina esenterà le tariffe su alcune importazioni serbe come generatori elettrici, motori elettrici, pneumatici, carne bovina, vino e noci, secondo il MDC.

La Cina è uno dei più importanti partner economici della Serbia e il più grande investitore nell’economia serba, poiché dal 2014 al 2023 ha veicolato nel paese oltre 5,5 miliardi di euro, ovvero il 17,5% di tutti gli investimenti stranieri effettuati nel Paese.

L’interscambio commerciale tra Serbia e Cina nel 2023 ha toccato i 6,09 miliardi di dollari, di cui 1,2 miliardi di esportazioni dalla Serbia. Le aziende cinesi che operano in Serbia sono 1.560 e impiegano circa 20.600 lavoratori.

(N1, 01.07.2024)

https://n1info.rs/biznis/stupa-na-snagu-sporazum-o-slobodnoj-trgovini-srbije-i-kine/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top