A Vranje perse le tracce dell’investitore russo della fabbrica Spilit – 400 lavoratori rimasti disoccupati

La fabbrica di mobili “Spilit”, che ha iniziato ad operare due anni fa a Vranje, ha bloccato un paio di giorni fa la produzione e circa 400 lavoratori sono rimasti senza lavoro.

Lo scorso fine settimana, il proprietario di questa fabbrica russa, Alexander Komarov, ha lasciato Vranje, lasciando circa 400 lavoratori senza lavoro. Il portale “Juzne Vesti” riporta che i lavoratori hanno detto che lo scorso mercoledì, dopo il primo turno di lavoro, senza spiegazioni, sono stati informati che andranno tutti in ferie. Da allora, si sono perse tutte le tracce dei proprietari, ma anche dei dirigenti serbi.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Per ora, non ci sono informazioni ufficiali sui motivi del ritiro, e gli operai, i capi di produzione e i funzionari del governo comunale sostengono che nulla indicava che sarebbe accaduto questo. I lavoratori per Juzne Vesti hanno affermato di avere stipendi decenti e di non avere stipendi arretrati, fatta eccezione per l’ultimo stipendio che non gli era stato pagato.

Juzne Vesti hanno annunciato, riferendosi ad una fonte dell’amministrazione comunale, che ci sono informazioni che una situazione simile sta accadendo anche a Sombor, dove gli stessi proprietari possiedono una fabbrica.

L’assessore comunale responsabile dell’economia Nebojsa Zupancic, ha detto per i media che le autorità di Vranje sono rimaste sorprese perché non avevano ricevuto alcuna informazione che l’investitore avrebbe lasciato la città.

L’arrivo degli investitori a Vranje per la città è stato un vero boom economico: inizialmente l’azienda assunse 130 lavoratori e pochi anni dopo il numero i dipendeni era già salito a 1.000. Komarov aprì la fabbrica du circa 8.000 m2, sul vecchio stabilimento dell’azienda tessile Jumka di Vranje. Il piano era di spostare la fabbrica nella Zona Industriale di Bunusevac, dove, in base agli annunci precedenti, si supponeva che sarebbero stati costruiti impianti di produzione su 30.000 metri quadrati.

http://rs.n1info.com/Biznis/a486081/Rus-napustio-fabriku-u-Vranju-radnici-bez-posla.html?fbclid=IwAR00tbHlKNjoCsxzZimNUhY8QiVLgZa3ZCezrP2iWIp57S9ogvRdurTMMtc

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in lavoratori, Nebojsa Zupancic, Spilit
Il Consiglio dei lavoratori della Volkswagen contro l’apertura di un nuovo impianto nel sud Europa

In Serbia mancano lavoratori nel settore metalmeccanico, principalmente fabbri e saldatori

Close