A maggio gara d’appalto per la vendita di Komercijalna Banka

Un mese dopo la selezione del Ministero delle Finanze, di un consulente nel processo di ricerca di un partner strategico nella vendita di Komercijalna Banka, il ministro delle Finanze Sinisa Mali, ha dichiarato che si aspetta almeno due buone offerte, che soddisfino tutti requisiti da presentare per l’acquisizione di Komercijalna Banka.

“La gara per la selezione di un partner strategico per Komercijalna Banka sarà lanciata a maggio e l’intera procedura dovrebbe essere completata entro la fine dell’anno. Mi aspetto almeno due buone offerte e la cosa più importante per noi è che il processo sia trasparente. Nel frattempo, Lazard (consulente nella vendita della banca) preparerà la documentazione e presenterà allo stato le migliori opzioni. Al momento non so davvero chi potrebbero essere i potenziali partner. Quello che è importante per loro è soddisfare i requisiti stabiliti dalla Banca nazionale di Serbia”, ha detto Sinisa Mali al Kopaonik Business Forum.

Il valore di mercato di Komercijalna Banka presso la Borsa di Belgrado, attualmente, è di circa 350 milioni di euro. Prima della crisi finanziaria del 2008, il valore di Komercijalna Banka era stimato a 2 miliardi di euro.

Nei primi nove mesi del 2018, la banca ha registrato ottimi risultati operativi, con un EBITDA di 6,51 miliardi, ovvero 55 milioni di euro.

La banca ha liquidità e capitalizzazione superiori alla media. Il suo coefficiente di adeguatezza patrimoniale è superiore al 29% e molto al di sopra del limite regolamentare stabilito dalla Banca nazionale di Serbia.

Negli ultimi mesi, ci sono state speculazioni sul fatto che diversi investitori, società locali e straniere, fossero interessati all’acquisizione di Komercijalna Banka, in cui lo stato è il singolo azionista più grande.

Lo stato ha una quota del 42% nella banca, la BERS ha il 24,4% e l’IFC, come membro del gruppo della Banca mondiale, ha il 10%. La BERS è entrata nella struttura proprietaria nel 2006 con una capitalizzazione del valore di 70 milioni di euro.

La prima privatizzazione della banca è stata pianificata ancora nel 2009. La vendita è stata interrotta a causa della crisi finanziaria mondiale, dopo la quale la BERS ha effettuato un’altra capitalizzazione per un importo di 50 milioni di euro. Successivamente, anche l’IFC è diventato proprietario investendo 40 milioni di euro, come anche la DEG tedesca e la svedese SwedFund con un investimento di 20 e 10 milioni di euro.

Lo stato si è impegnato ad effettuare un’altra capitalizzazione per un importo di 110 milioni di euro, in modo da non perdere la sua partecipazione.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/sinisa-mali-za-blic-ocekujem-najmanje-dve-dobre-ponude-za-komercijalnu-banku-tender-u/ybf20dl

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... BERS, IFC, Komercijalna Banka, Kopaonik Business Forum
Entro la fine del 2019 sarà possibile l’identificazione elettronica via cellulare

Aperto il Kopaonik Business Forum 2019

Chiudi