A causa del virus chiuse 168 aziende; 67.000 dipendenti lavorano da casa

Il direttore della divisione di analisi strategica della Camera di commercio serba (SCC), Mihailo Vesovic, ha dichiarato che 67.000 lavoratori sono a casa perché le aziende in cui lavorano sono attualmente chiuse a causa della pandemia da coronavirus. Nella conferenza online organizzata dall’Associazione serba dei manager (SAM) Vesovic ha dichiarato che un totale di 168 aziende hanno interrotto la produzione.

Lo stesso sostiene che in situazioni di crisi come una pandemia, il modo migliore per aiutare gli uomini d’affari è attraverso degli sgravi fiscali, coprendo parte del costo dei salari per i dipendenti e creando serie condizioni per aumentare la liquidità delle aziende.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Prevediamo di implementare tutte le misure. Le regole del gioco nel risolvere la crisi sono completamente cambiate, ora l’attenzione dello Stato e dell’economia è sul mantenimento del sistema sanitario e sociale. È comunque importante che l’economia abbia mostrato una dose invidiabile di comprensione per i problemi che stiamo affrontando. Entriamo nella fase in cui gli affari delle aziende saranno seriamente colpiti: ora abbiamo 67.000 lavoratori a casa in Serbia, 168 aziende manifatturiere che hanno bloccato la produzione. Non dobbiamo permettere che vengano spazzate via dalla crisi”, ha detto Vesovic.

L’industria alberghiera è la prima a essere in ginocchio, con i ricavi che sono passati da decine di migliaia di euro, su base giornaliera, a poche centinaia di euro.

In America, tra i sei e gli otto milioni di persone hanno perso il lavoro nel settore alberghiero, il quale genera 700 miliardi di euro all’anno, afferma Zivorad Vasic, vice presidente senior e direttore regionale “IHG, Delta Holding”.

Aleksandar Hagimana, amministratore delegato “Balcans-Manpower Group”, ricorda l’esperienza di 10 anni fa quando si era verificata una crisi finanziaria.

“Le aziende che hanno trattenuto i propri dipendenti e condiviso i costi sono uscite dalla crisi meglio e più forti. È importante mantenere l’ottimismo. Le tre opzioni che proponiamo sono sospendere il lavoro fino a un massimo di 45 giorni in modo che il datore di lavoro paghi il 65% degli utili medi dei 12 mesi precedenti, ridurre l’orario di lavoro e pagare un utile minimo in modo da superare la crisi”, sostiene Hagimana.

https://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/virus-zaustavio-rad-168-kompanija-67.000-zaposlenih-radi-od-kuce_1107156.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in coronavirus, crisi aziende, lavoratori, Mihailo Vesovic
Caduto il governo di Albin Kurti in Kosovo

La Camera di commercio e industria della Serbia lancia una linea di assistenza per le imprese

Close