A Bruxelles le prove di casi di pedofilia nella Chiesa ortodossa serba

L’ex diacono Bojan Jovanović ha parlato con i rappresentanti del Parlamento europeo (PE) a riguardo della pedofilia presente nella Chiesa ortodossa e della negazione alla protezione e al sostegno delle vittime, ha appreso “Danas”.

Jovanović ha parlato per anni della pedofilia e altre malversazioni presenti nella chiesa e nel 2015 aveva dichiarato pubblicamente che il vescovo Kačavenda lo aveva molestato sessualmente e gli aveva chiesto di portargli dei ragazzi. È stato anche uno dei 6 pubblici accusatori davanti all’Alta Corte di Londra contro la Chiesa ortodossa serba per pedofilia e abusi sessuali avvenuti in Serbia, Bosnia e Croazia. La causa, nel frattempo, non è stata accolta. Ha recentemente pubblicato il libro “Confessione di come abbiamo ucciso Dio”, che, tra l’altro, parla di come la chiesa intimidisca e uccida le vittime della pedofilia con l’aiuto dello Stato.

Jovanovic fa notare che a causa della pandemia ha avuto un colloquio con i rappresentanti del Parlamento europeo incaricati dei diritti umani in videoconferenza.

“Abbiamo presentato prove ai rappresentanti del PE di tutti i casi di pedofilia nella Chiesa, che da anni meritano l’attenzione dell’opinione pubblica, e sui quali le istituzioni competenti tacciono con insistenza. Loro hanno espresso interesse a includere la questione del perseguimento della pedofilia organizzata e della protezione delle vittime da parte del sistema nella relazione sui progressi della Serbia verso l’Unione europea in materia di diritti umani, diritti alla libertà di religione, riforma giudiziaria e lotta alla criminalità organizzata”, ha sottolineato Jovanovic.

Secondo lui, il PE è stato informato che esiste un gruppo pedofilo ben organizzato all’interno della Chiesa ortodossa serba, “ma che la sinergia tra la chiesa e il governo guidato dal Presidente Aleksandar Vučić è così forte che lo Stato guarda più alla chiesa invece che cambiare le leggi che regolano il lavoro delle organizzazioni religiose”.

https://www.danas.rs/drustvo/dokazi-o-pedofiliji-u-spc-stigli-u-brisel/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Bruxelles, casi di pedofilia, chiesa ortodossa serba
UE
Il 64% dei serbi è a favore dell’adesione all’UE; il 32,7% crede che non avverrà mai

UE
Si blocca l’allargamento dell’UE?

Chiudi