A Belgrado un nuovo Pronto soccorso quattro volte più grande

La ricostruzione del nuovo Pronto soccorso di Belgrado inizierà l’anno prossimo; il progetto è esposto nell’edificio dell’amministrazione comunale di via Kraljica Marija, ha annunciato il sindaco della città Zoran Radojicic. Verrà costruito un nuovo blocco e l’area totale del nuovo edificio sarà quattro volte più grande di quella attuale.

Radojicic ha spiegato a “Beoinfo” che il risanamento della struttura cittadina per le emergenze sarà effettuata in tre fasi: nella prima fase verrà costruito un nuovissimo blocco A, il blocco B sarà parzialmente potenziato e parzialmente ristrutturato, mentre per il terzo blocco, il blocco C, verrà pianificata la ricostruzione.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Belgrado è una capitale di 2 milioni di abitanti e riceverà finalmente un Pronto soccorso dopo 60 anni; saranno assicurati degli standard europei di cura e potrà soddisfare tutte le esigenze dei cittadini. Si prevede l’aggiunta di 6000mq, che sommati agli attuali 2000, daranno un totale di 8000mq”, ha annunciato il sindaco di Belgrado.

Il nuovo Pronto soccorso avrà un centro educativo per tutte le esigenze e disporrà di una sala conferenze con 195 posti a sedere e cinque uffici; sarà assicurata una formazione agli specializzandi, una formazione costante delle squadre di pronto soccorso già esistenti nonché di nuovi affiliati.

Radojicic ha aggiunto che il “Call center” sarà una parte estremamente importante dell’edificio e diventerà significativamente più grande e più funzionale dopo la ricostruzione.

Il valore totale del progetto di ricostruzione del pronto soccorso è di 16 milioni di euro, di cui 11 milioni provenienti dall’Unione Europea, con i fondi IPA, e 5 milioni di euro dalla città di Belgrado che li riceverà dalla Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo.

Lo stesso sindaco ha annunciato l’inizio dei lavori per la prima metà del 2020.

http://rs.n1info.com/Zdravlje/a505434/Rekonstrukcija-Hitne-pomoci-u-Beogradu.html

Photo Credits: “e-Kapija”

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top