98 commercianti serbi che operano su FB finiti sulla lista nera

L’Organizzazione nazionale dei consumatori della Serbia e l’Associazione per la protezione dei consumatori della Vojvodina hanno pubblicato un elenco di 98 commercianti che vendono in modo irregolare sul social network Facebook. Secondo “NOPS e UZPV”, si sospetta che gli operatori presenti nell’elenco non operino in conformità con i regolamenti. La lista è stata inoltrata all’ispezione per il mercato.

L’elenco non è stato compilato sulla base delle lamentele dei cittadini, ma sulla base dei controlli delle associazioni dei consumatori.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Nella maggior parte dei casi si tratta di vendita di vestiti e scarpe, e la dichiarazione di queste due organizzazioni per la tutela dei diritti dei consumatori afferma che l’elenco, che non è definitivo, è stato ottenuto sulla base di un controllo di alcuni rivenditori su Facebook fatto in collaborazione con le organizzazioni dei consumatori.

La verifica è stata fatta perché si è notato che quest’anno, quando il fatturato nell’e-commerce è aumentato, un gran numero di commercianti non vende a norma di legge e non rispetta le norme etiche, e la crescita del numero di commercianti che fanno affari in nero è particolarmente pronunciata sui social network.

La legge sul commercio elettronico prescrive quali informazioni deve dare il fornitore di servizi di commercio elettronico, e tra queste c’è l’obbligo che se indica i prezzi, questi devono essere chiaramente indicati, e in particolare deve essere indicato se questi prezzi includono i costi di consegna, altri costi, tasse e altro.

Ecco la lista: http://potrosac.info/novosti/1542-crna-lista-internet-trgovaca?fbclid=IwAR1vRafKXHR2Wjir6KsNuprH6IBY0duCWxw0yTGePKqn63LycFT3XOsKoOQ

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2020&mm=12&dd=28&nav_id=1787485

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... lavoro nero, lista nera FB, NOPS, social network
Chiusa per fallimento la catena “Home plus”

media
Fiducia nei media in Serbia al 20%, la più bassa d’Europa

Chiudi