770.000 disoccupati registrati in Serbia, cifra in lieve calo

Il direttore dell’Agenzia Nazionale di Collocamento (NSZ), Zoran Martinovic, intervistato dall’emittente nazionale RTS, ha dichiarato che al registro della NSZ sono iscritte 770.000 persone, ma che il numero dei disoccupati è in lieve calo.

’’La maggioranza dei disoccupati sono giovani e persone oltre i 50 anni’’, ha detto Martinovic, aggiungendo che il tasso di disoccupazione in Serbia varia tra il 20 e il 21% e che non è cambiato da ottobre dell’anno scorso, il che rappresenta un fatto positivo, visto che nel 2012 il tasso era aumentato del 26%. Egli ha confermato che il tasso dei disoccupati in Serbia rappresenta il doppio rispetto ai paesi UE, evidenziando però che il Paese ’’si trova sulla buona strada per migliorare questa situazione’’.

Martinovic ha detto anche che la nuova Legge sul lavoro dovrebbe mostrarsi efficace già l’anno prossimo, visto che renderà più facile assumere. ’’La legge stessa non può essere motivo di licenziamento, che è riconducibile solo al calo delle attività commerciali o alla mancanza di lavoro. I datori di lavoro saranno in grado di licenziare i lavoratori che rappresentano un eccesso, e questi lavoratori avranno più possibilità di trovare un nuovo posto, visto che i datori non dovranno più affrontare gli stessi problemi di prima’’, ha detto Il direttore della NSZ.

Martinovic ha detto che la NSZ quest’anno ha ottenuto 200 milioni di dinari, dei quali 540.000 per l’assunzione delle persone con disabilità. Alla domanda sul debito fiscale della NSZ di 96 milioni di dinari, Martinovic ha detto che tale esposizione è già stata ridotta di 53 milioni di dinari, perché alcune filiali dell’ente hanno presentato due volte le dichiarazioni dei redditi.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top