La Serbia 48° nella lista “Doing Business 2019” della Banca Mondiale

La Serbia è al 48° posto nella classifica “Doing Business 2019” della Banca Mondiale.  Questo è un risultato peggiore rispetto allo scorso anno quando il Paese si era posizionato al 43° posto.

La ragione principale di questo declino in classifica è rappresentata dai progressi più rapidi compiuti da altri paesi nella regolamentazione del loro ambiente imprenditoriale, ha affermato la Banca Mondiale.

Tra i paesi della ex Jugoslavia, al di fuori della Serbia, nella lista “Doing Business 2019”, ci sono la Macedonia (10°), la Slovenia (40°), il Montenegro (50°), la Croazia (58°) e la Bosnia ed Erzegovina (89°).

“Le riforme attuate dal governo, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali, potranno beneficiare tutti – imprenditori, piccole e medie imprese, grandi investitori nazionali ed esteri, consentendo la creazione di nuovi posti di lavoro e stimolando ulteriormente la crescita dell’economia”, ha detto Steven Ndegva, capo dell’Ufficio della Banca Mondiale in Serbia. Ha aggiunto che la Serbia è stata classificata al ribasso quest’anno, il che può essere spiegato dai progressi più rapidi degli altri paesi.

“Mentre la Serbia cerca di fare più progressi possibili, altri paesi, ovviamente, non aspettano sul posto”, osserva il capu Ufficio .

Tomas Lubek, direttore regionale di IFC per l’Europa centrale e sud-orientale, afferma che la Serbia ha attuato un’importante riforma che ha facilitato l’ottenimento di permessi di costruzione. Ribadisce anche che il numero totale di punti, in Serbia, per facilità nel fare affari è aumentato da 73,32 rispetto al rapporto dell’anno scorso a 73,49 nella relazione di quest’anno.

Ciò significa che la Serbia l’anno scorso ha migliorato la regolamentazione aziendale in base agli indicatori che vengono misurati nel rapporto. Sulla nuova graduatoria, la Serbia ha progredito rispetto allo scorso anno nel settore della registrazione delle proprietà, salendo dal 55° posto rispetto al 57° e nella categoria di pagamento delle tasse in cui il turno è stato raggiunto al 79° posto dall’82° posto.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Nell’area di avvio di un’impresa la Serbia è ora al 40° posto (l’anno scorso era al 32°), per l’ottenimento dei permessi di costruzione 11° (precedentemente 10°), per l’ottenimento della corrente elettrica al 104° (96°), per la facilità ad ottenere un prestito al 60° posto (55°) e infine per protezione degli azionisti di minoranza all’83° posto (76). Secondo l’indicatore del commercio transfrontaliero, la Serbia è rimasta 23°, per esecuzione dei contratti è scesa al 65° posto (60°), e per la risoluzione dei fallimenti occupa il 49° posto (48°).

L’economia nella regione dell’Europa e dell’Asia centrale, secondo il rapporto, ha accelerato il ritmo delle riforme al fine di facilitare gli affari alle piccole e medie imprese nazionali. Nell’ultimo anno sono state implementate 54 riforme aziendali nella regione, rispetto a 43 riforme dell’anno precedente, e quasi tutte le 23 economie della regione hanno attuato riforme che aiutano a creare posti di lavoro e incoraggiano l’imprenditoria privata.

A questa regione appartengono due delle dieci economie meglio classificate quest’anno, con la Georgia che è salita al sesto posto e la Macedonia che ha migliorato la sua posizione di un posto e si è classificata decima. Alla regione appartengono anche due paesi tra quelli che hanno compiuto i maggiori progressi quest’anno, l’Azerbaigian e la Turchia.

Al primo posto, nell’elenco Doing Business 2019, c’è Nuova Zelanda, seguita dal Singapore al secondo posto e dalla danimarca al terzo.

Riforma delle attività nel 2018

Gli emendamenti alla legge sulle società economiche, entrati in vigore il 1° ottobre 2018, prevedono l’abolizione dell’uso obbligatorio dei timbri aziendali da parte delle imprese. In termini di tasse statali, le modifiche alla legge sulle tasse amministrative statali hanno aumentato la prevedibilità e ridotto il costo per l’ottenimento del permesso di utilizzo – commissione che era stata precedentemente addebitata in percentuale e che ora viene addebitata come importo fisso.

Quando si tratta di uno dei segmenti in cui la Serbia è tra i peggiori nella Doing Business List, le modifiche dello statuto regolamentano ora l’obbligo per gli sviluppatori immobiliari, le autorità dello stato della linea e le società di scambiare elettronicamente la documentazione pertinente, che dovrebbe ridurre il numero richiesto di passaggi da cinque a due.

La nuova legge sulla procedura di registrazione nel catasto immobiliare, adottata a maggio del 2018, prevede ora l’istituzione di un’unica procedura online (e-salter) che renderà più semplice per i cittadini e per le imprese registrare le loro proprietà.

Ci sono anche diverse riforme che la Banca mondiale considera insufficienti come quelle nel segmento dell’esecuzione degli obblighi contrattuali. Le statistiche ufficiali mostrano che la durata media delle procedure davanti al Tribunale commerciale di Belgrado era di 215 giorni nel 2016 e nel 2017, molto più lungo dei 63 giorni che la Banca mondiale ha utilizzato come costante negli ultimi 12 rapporti.

Il futuro sta nella digitalizzazione

La maggior parte dei risultati che la Serbia ha conseguito negli ultimi anni, in termini di miglioramento delle condizioni per fare affari, sono il risultato della digitalizzazione di procedure amministrative come la creazione di un unico registro elettronico presso l’Agenzia per i registri delle imprese (APR), il consolidamento della  procedura elettronica per ottenere i permessi di costruzione e la raccolta combinata di imposte e contributi salariali. Ciò ha anche comportato costi inferiori per le imprese e meno tempo perso nelle procedure amministrative. Per il settore pubblico, ciò significa più facile elaborazione della documentazione e minori opportunità di corruzione.

Photo Credits:”NALED / RAS Srbija

https://www.blic.rs/biznis/vesti/srbija-na-48-mestu-doing-business-liste-svetske-banke/jwmxb6n?fbclid=IwAR1XXTG7ArnINoHxCfR9TEY7I-ZgdMrthpTLYdFeaz8rmGrfkY08TsvZgTc

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top