The Guardian : “non ci sono linee rosse, ma non ci sono nemmeno assegni in bianco”

Gli Stati Uniti non si oppongono ai colloqui sullo scambio di territori tra Serbia e Kosovo, ma ciò non significa che Washington alla fine sosterrà un accordo del genere, scrive il The Guardian.

Riferendosi a due fonti che hanno familiarità con le deliberazioni dell’amministrazione di Donald Trump, il The Guardian afferma che la nuova politica di Washington è “non ci sono linee rosse, ma non ci sono nemmeno assegni in bianco”, ha detto il giornale. Ciò significa, che gli Stati Uniti sono pronti a prendere in considerazione qualsiasi soluzione, incluso un cambio di confine, ma non necessariamente ad accettarlo alla fine.

Mentre la cancelliera tedesca Angela Merkel si è opposto al cambio di confine, alcuni funzionari europei hanno dichiarato di essere disposti a sostenere un accordo che prevede il cambio di confine, riporta il quotidiano londinese.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

The Guardian sostiene che la domanda chiave ora è come si dichiarerà la Russia?

Il presidente serbo Aleksander Vucic dovrebbe incontrarsi due volte con il presidente russo, Vladimir Putin, nei prossimi mesi, e Mosca ha finora dato poche indicazioni se è pronta a lasciare l’opposizione dell’indipendenza del Kosovo.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zaharova, ha detto che Belgrado e Pristina sono d’accordo, ma ha sottolineato che “l’accordo deve riflettere gli interessi del popolo serbo” affinché la Russia lo sostenga. Il The Guardian afferma che la Zaharova ha rifiutato di chiarire in che modo la Russia valuterà quali sono gli interessi serbi.

Photo Credits:”NICHOLAS KAMM / AFP”

http://rs.n1info.com/a417098/Vesti/Gardijan-Za-SAD-nema-crvenih-linija-ali-ni-blanko-cekova.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top