424 nuovi contagiati in Serbia; arrestato il direttore del Centro di Gerontologia di Nis

In Serbia, nelle ultime 24 ore, alle 15 di ieri, sono morte altre cinque persone per un totale di 85 dallo scoppio dell’epidemia, ha annunciato il segretario provinciale alla salute Zoran Gojkovic in una conferenza stampa. Ieri sono state testate 2646 persone e sono stati registrati altri 424 casi di COVID-19. Finora nel Paese ci sono 4054 casi confermati di infezione.

Un totale di 898 persone sono ricoverate in ospedale, di cui 138 attaccate ai respiratori. Finora sono stati effettuati 20.958 test in Serbia.

Il segretario provinciale alla salute Zoran Gojkovic ha dichiarato che la maggior parte delle 424 persone appena contagiate si trova nel Centro di Gerontologia di Nis.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Dei 256 residenti di questo Centro, 140 di loro insieme a quattro impiegati sono stati contagiati dal virus”, ha detto Gojkovic, aggiungendo che solo una parte dei test è stata completata e un’altra parte è in corso.

Gojkovic ha giustificato questo numero altissimo come la conseguenza di comportamenti non professionali e di non conformità alle disposizioni.

“I parenti dei degenti sono stati autorizzati a visitare il Centro sin dall’inizio dell’epidemia, e ai pazienti è stata consentita l’uscita fuori della struttura. Una cosa che era stata severamente vietata dallo scoppio dell’epidemia”, ha detto Gojkovic.

A causa di questo atteggiamento irresponsabile, il direttore del Centro Gerontologico di Niš è stato arrestato ieri mattina con l’accusa di grave crimine contro la salute umana legato alla trasmissione di una malattia infettiva.

“Ciò è dovuto a un atteggiamento molto poco professionale e alla non conformità alle disposizioni. Abbiamo identificato una serie di irregolarità nel lavoro del Centro che hanno portato a un numero così elevato di persone infette presso l’istituzione. Sfortunatamente, abbiamo anche le prove che i sintomi della malattia siano stati nascosti all’inizio dell’infezione”.

Gojkovic ha infine ricordato che questo crimine è punibile con un massimo di 12 anni di carcere.

https://www.slobodnaevropa.org/a/30550925.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Centro di Gerontologia, coronavirus
gorenje
Dopo una pausa di tre settimane è ripresa la produzione della “Gorenje” a Valjevo

Cina
Il Guardian: “La gara della ‘diplomazia del coronavirus’ di Russia, Cina e UE in Serbia”

Chiudi