250 milioni di euro per il nuovo stadio nazionale

Il Ministro delle finanze serbo, Sinisa Mali, ha dichiarato che saranno assegnati 250 milioni di euro dal bilancio statale del 2020 per la costruzione dello stadio nazionale e che si aspetta che l’azienda progettista dello stadio venga selezionata nei prossimi giorni, poiché la procedura di gara sta per concludersi.

“Sono state presentate quattro offerte. Il progetto farà rivivere una parte di Belgrado, poiché il piano generale copre un’area di 600 ettari. Conterrà aree residenziali e commerciali, parchi di divertimento, ecc. Lo sport non è più solo sport, ma anche affari”, ha dichiarato il Ministro Mali.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Secondo lui, “nove nuovi stadi sono in costruzione nelle città di tutta la Serbia, sei dei quali saranno in prima fase realizzati”.

Il Ministro ha anche affermato che lo stadio di calcio sarà di natura multifunzionale, che sono in corso trattative con aziende globali di diversi segmenti di business, che vogliono investire ingenti somme di denaro nelle aree attorno allo stadio e che l’intero concetto prevede una combinazione di investimenti in industria, turismo, tecnologia, intrattenimento, cultura ed edilizia residenziale.

La costruzione sarà completata tra due anni e mezzo, tre.

“Non è un grande investimento considerando i benefici che porterà. Il piano è di costruire un’intera città funzionale allo stadio. Ci saranno mostre, spazi culturali e da concerto, parchi acquatici, ma anche un parco tecnologico che ospiterà i principali venditori al mondo. Stiamo già negoziando con IKEA e KAUFMANN che sono molto interessati a far parte dell’intero complesso. Ci saranno anche molti uffici e un condominio”, ha concluso il Ministro.

Lo stadio avrà 10.500 posti auto.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/230834/Mali-U-budzetu-za-2020-opredeljeno-250-miliona-evra-za-nacionalni-stadion.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Belgrado, Centro di Cultura di Belgrado, ikea, Sinisa Mali
Niš la città più inquinata d’Europa la scorsa notte

Il Senato dell’Università di Belgrado ha annullato il dottorato di ricerca di Sinisa Mali

Chiudi