Da Banca Mondiale 36 milioni per la riforma del catasto

I rappresentanti della Banca Mondiale valutano positivamente i progressi della Serbia nell’implementazione del progetto dello sviluppo dell’amministrazione competente per i beni immobili e terreni, finanziato da questa istituzione nel valore totale di 36,2 milioni di euro, viene comunicato dal Ministero delle costruzioni, trasporti e infrastrutture.

Nella comunicazione viene indicato che la Serbia a dicembre 2015 ha rilasciato 1.051 permessi, il che è del 56,4 percento di più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Inoltre, nell’ultimo trimestre del 2015 il numero dei permessi edilizi è il maggiore negli ultimi sei anni.

“Questo è un risultato della procedura unificata per il rilascio dei permessi edilizi che ha iniziato a funzionare il 1 marzo 2015, mentre dal 1 gennaio è iniziato anche il rilascio dei permessi elettronici”, ha detto la ministra competente, Zorana Mihajlovic alla riunione con la delegazione della Banca mondiale rappresentata dal capo dell’ufficio serbo di questa istituzione finanziaria, Tony Verheijen e dalla specialista per lo sviluppo, Victoria Stanley.

La Mihajlovic ha aggiunto che si continua “lavoro che include la riforma del catasto e l’implementazione della Legge sulla legittimazione affinchè si abbia un’imagine chiaro dei beni immobili in Serbia”. 

Dal credito della Banca monidiale sarà finanziata anche la fornitura di un sistema video satellitare di alta risoluzione necessario per la valutazione e per la tassazione dei beni immobili in Serbia, nonchè per il processo di regolarizzazione dei beni immobili non dichiarati.

(RTS, 24.02.2016.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top