EBRD pronta ad investire in agricultura, nei servizi e nella produzione in Serbia

La Serbia, in quanto maggior economia della regione, ha grande potenzialità per gli investimenti, in particolare nel settore dell’agricultura, dei servizi e della produzione, ha detto il presidente della Banca europea per la ricostruzione e per lo sviluppo (EBRD) in Serbia, Daniel Berg, alla vigilia del Summit d’investimento nei Balcani occidentali che si tiene a Londra. Questo summit è politicamente ed economicamente importante, perchè dimostra che i paesi balcanici possono collaborare, nonchè presentarsi assieme come un gruppo.

“Tutti i paesi dei Balcani occidentali rappresentano delle piccole economie. Tra loro, la Serbia è la maggior economia e ha la maggior potenzialità per gli investimenti. Se agli investitori venisse presentata l’intera regione come una comune destinazione per gli investimenti, questo potrebbe essere attraente per loro”, ha detto Berg, aggiungendo che l’EBRD finora ha investito molto in Serbia, ma vuole investire ancora di più.

“Vorremmo investire nell’imprenditoria privata, nell’agricultura, nel settore dei servizi e della manifattura. Inoltre, stiamo lavorando assieme con il governo serbo sui progetti d’investimento nelle infrastrutture”, ha detto Berg che crede che al Summit a Londra arriveranno anche gli investitori che non hanno mai visitato questa regione, però che sono pronti ad investire.

Il primo ministro serbo, Aleksandar Vucic al Summit d’investimento dell’EBRD ha detto che la Serbia ha ancora molto da fare per diventare la parte dell’Europa che è stabile e sicura. Vucic ha indicato che ora si incontra di più con i rappresentanti degli altri paesi della regione perchè comprende l’importanza della loro collaborazione. Oltre all’UE, proprio i paesi vicini sono il maggior partner commerciale della Serbia.

“Negli ultimi due anni, la Serbia è il paese con il maggior numero degli investimenti nella regione, anche se non ci sono state molte privatizzazioni. L’anno scorso abbiamo avuto 1,7 miliardi di euro degli investimenti diretti dall’estero. Questo è un risultato buono, però non è sufficiente. Ci servono 2 miliardi di euro degli investimenti esteri per creare un sistema sostenibilie”, ha detto Vucic. 

Secondo il primo ministro serbo, i risultati del consolidamento fiscale erano buoni, però bisogna rendere più efficace il sistema giudiziario e continuare la lotta contro criminale e corruzione.

(RTS, 22.02.2016.)

 

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, Banca Europea Ricostruzione e Sviluppo, BERS, EBRD
Alla “Delphi automotive” 18 milioni di incentivi per 3000 posti di lavoro

La crisi ha decimato gli investimenti

Close