Sempre più appartamenti venduti all’asta

Il numero di persone non più in grado di rimborsare i prestiti e le cui case e negozi vengono poi venduti dalle banche è aumentato del 30% negli ultimi 6 mesi. Chiunque che non sia il titolare stesso del mutuo, il giudice, un ufficiale giudiziario o un assessore può acquistare l’appartamento, sul quale è stata attivata l’ipoteca da parte delle banche, nelle aste a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato.

Gli appartamenti sequestrati vanno in prima vendita all’asta con un prezzo di partenza del 60% del valore reale stimato, mentre alla seconda asta il prezzo di partenza scende al 30%.

“Vi è un costante trend di crescita del numero dei immobili in asta. Se guardiamo il numero di proprietà con ipoteche ora attivate e quelle attivate sei mesi fa, vediamo che vi è un terzo di più” – viene scritto sul sito interet del “Dobos”  il quale contiene un elenco di tutte le offerte.

I banchieri sottolineano che a loro non piace questo modo per ripianare i debiti, ma sono a volte costretti in esso.  In una delle banche spiegano che una volta alle banche preferivano le ipoteche sulla proprietà, ma siccome il mercato immobiliare ristagna, le banche sempre più optano per la vendita dei beni mobili. Il problema è che sempre più spesso gli appartamenti non possono essere venduti ad un prezzo al quale sono stati acquistati.

Tuttavia, per queste proprietà c’è un sacco di interesse. Gli appartamenti sequestrati vengono acquistati principalmente dalle agenzie, perché i cittadini preferiscono la riservatezza  o hanno paura che con l’acquisto del appartamento altrui comprometterebbero la loro sicurezza. Nel luglio del 2014 l’acquirente di un tale appartamento a Novi Pazar è stato ucciso dal precedente proprietario.

“La maggior parte delle persone non vuole comprare un appartamento che è stato sequestrato a qualcuno” – dice per “Blic” l’agente immobiliare Tomislav Sekulic.

Questa situazione viene sfruttata dalle agenzie immobiliari che seguono l’offerta in cerca di appartamenti e negozi commerciali interessanti che poi verrano venduti a un prezzo più elevato. Gli immobili nelle principali città e i terreni agricoli di alta qualità trovano facilmente il loro acquirente già alla prima vendita pubblica. 

(Blic, 21.01.2016)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top