18 anni fa veniva assassinato Zoran Đinđić

Il 12 marzo 2003, il Primo Ministro della Serbia e leader del Partito Democratico, Zoran Djindjic, fu ucciso davanti alla sede del governo della Serbia.

Nella prima dichiarazione dopo l’assassinio, il governo della Serbia identificò i criminali del cosiddetto clan di Zemun come gli organizzatori e autori dell’assassinio, tra cui l’ex comandante della sciolta Unità per le Operazioni Speciali (JSO) Milorad Ulemek Legija come leader del gruppo, nonché Dusan Spasojev e Mile Luković.

Il governo serbo affermò anche che quel giorno avrebbe dovuto essere firmato un mandato di cattura per i membri del “più grande gruppo criminale organizzato dell’ex Jugoslavia”, come veniva allora chiamato il clan di Zemun.

In una delle ultime interviste prima dell’omicidio, e dopo il fallito assassinio del 24 febbraio 2003 sull’autostrada di fronte all’Arena di Belgrado, Djindjic negò le affermazioni secondo cui era stato raggiunto un accordo con i cosiddetti “berretti rossi”, membri della JSO, il 5 ottobre 2000, i quali avrebbero aiutato a rovesciare il regime di Slobodan Milosevic in cambio di “qualcosa al di sopra della legge”.

Poche ore dopo l’assassinio di Djindjic, in Serbia venne dichiarato lo stato di emergenza, che durò fino al 22 aprile, quando fu revocato su suggerimento del governo serbo.

Djindjic fu sepolto il 15 marzo nel vicolo dei cittadini meritevoli del Nuovo Cimitero di Belgrado, alla presenza di oltre 70 delegazioni di Stati stranieri. Centinaia di migliaia di cittadini erano presenti al corteo funebre per le strade di Belgrado.

Zoran Djindjic è nato il 1 agosto 1952 a Bosanski Samac. Ha avuto due figli con la moglie Ružica, avvocato.

Aveva iniziato a studiare filosofia a Belgrado, ma poi era stato arrestato e condannato a un anno di prigione, insieme a un gruppo di studenti di Zagabria e Lubiana, che si opponevano al regime autoritario.

Dopo aver terminato gli studi, non riuscì a trovare un lavoro in nessuna parte del Paese, quindi andò in Germania, dove ottenne il dottorato all’Università di Costanza, e tornò in Jugoslavia solo dopo 12 anni, dopo la caduta del muro di Berlino.

Nel Partito Democratico dal 1989, è stato uno dei suoi fondatori e il suo presidente più influente.

Dopo che l’opposizione vinse le elezioni locali nel 1997 e dopo il conflitto con il regime di Milosevic, divenne il primo sindaco di Belgrado a non essere membro del Partito comunista.

Nel 2000 è stato il principale stratega e organizzatore della campagna di opposizione, che si è conclusa il 5 ottobre con la fine del potere di Milosevic. Nel gennaio 2001 è diventato il primo Premier serbo senza un passato comunista.

Nell’Assemblea nazionale della Serbia, aveva affermato che nei dieci anni precedenti la Serbia era stata lasciata “in balia di gruppi di interesse brutali all’interno del Paese e interessi internazionali all’estero, ma quel tempo era finito il 5 ottobre. .”

“La Serbia ha preso il destino nelle sue mani, e noi intendiamo oggi in senso simbolico il 6 ottobre come l’inizio dell’attuazione del consenso nazionale per dei cambiamenti radicali”, aveva detto Djindjic all’epoca.

Durante il suo mandato, è stato avviato il processo di democratizzazione della società insieme a riforme economiche e sociali radicali.

Godišnjica ubistva Zorana Đinđića: “Gledajte u budućnost, tamo će se sresti, vi i ja”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top