15 miliardi di dinari stanziati per sussidi agli investitori nel 2019

Il modello di sussidio per gli investitori, introddotto nel 2006 dall’allora ministro dell’Economia, Mladjan Dinkic, per riflettere i simili modelli di sussidio dell’Irlanda e della Slovacchia, raggiungerà il suo picco l’anno prossimo.

Un totale di 15 miliardi di dinari verrà stanziato dai bilanci statali del 2019 per sussidi per le società private, che è di 2,5 miliardi di dinari in più rispetto al 2018.

Il Consiglio Fiscale afferma che il bilancio del prossimo anno manterrà la pratica di rivelare solo la somma totale degli investimenti e di fornire un elenco di circa 40 aziende destinatarie.

“Ciò significa che non sapremo quanto ogni investitore ottiene individualmente, il che riduce la trasparenza del bilancio”, avverte il Consiglio fiscale nella sua “Valutazione del progetto di legge sul bilancio per il 2019”.

Gli esperti hanno creduto per molto tempo che non è giustificabile sovvenzionare ogni lavoro, ma che debbano essere definite solo le aree prioritarie. Milorad Filipovic, professore alla Facoltà di Economia, afferma che sono stati compiuti alcuni progressi e che le aziende che hanno portato tecnologie avanzate in Serbia sono state recentemente prese di mira. Le attività innovative e i parchi tecnologici sono stati promossi molto di più quest’anno, ma i loro effetti saranno visibili solo tra tre e cinque anni.

“Gli investitori stranieri hanno ricevuto finora 443 milioni di euro di sussidi, che in media sono 6.795 euro per ogni nuovo posto di lavoro creato. Tenendo presente che l’ammontare delle sovvenzioni equivale a un quarto del valore degli investimenti effettuati, per questo non è chiaro come ne beneficiamo”, Filipovic commenta sulla politica di assegnazione delle sovvenzioni agli investitori stranieri.

Un’analisi preparata nel 2017 da Filipovic e Miroljub Nikolic, un associato del Ministero dell’Economia, (“Analisi degli effetti dei fondi incentivanti approvati per attrarre investimenti dal 2006 al 2016”) mostra che il governo serbo ha speso 501,8 milioni di euro in sussidi nel periodo osservato. Il 90% di questo importo è stato dato agli investitori stranieri. Con l’aiuto dei sussidi, sono stati creati 82.015 nuovi posti di lavoro. Sono stati firmati 314 contratti di sussidio, di cui 149 con investitori nazionali e 165 con investitori stranieri. Malgrado tutto sono stati rotti 83 contratti di sussidio con società nazionali e 16 contratti di finanziamento con società straniere.

L’analisi ha anche dimostrato che la maggior parte delle sovvenzioni è stata assegnata ai comuni più sviluppati (140 progetti), mentre solo 30 progetti nei comuni meno sviluppati hanno ricevuto sussidi. La maggior parte del denaro è andato all’industria manifatturiera e di trasformazione. Si tratta per lo più di prodotti relativamente semplici a basso valore aggiunto, che comportano un sacco di lavoro manuale da parte di lavoratori poco qualificati, senza notevoli ricadute e senza l’inclusione di fornitori locali nelle catene di produzione. Dei 188 progetti dell’industria manifatturiera sovvenzionati, solo quattro erano nel campo dell’alta tecnologia.

http://www.politika.rs/sr/clanak/418430/Za-subvencije-investitorima-15-milijardi-dinara-iz-budzeta?fbclid=IwAR32il45D-NLROB_4D9yIpImq5h7rti2YmMMYaHDD_WNMq6Y87pykPw0Agk

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top