102 nuovi casi di infezione in Serbia; positivo anche il tennista Djokovic

Il giorno in cui Tedros Adhanom Gebrejesus, capo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha avvertito che la pandemia del virus sta “accelerando” e lo staff di crisi in Serbia ha introdotto nuove misure, il tennista Novak Djokovic ha dichiarato di essere risultato positivo al test.

Nelle ultime 24 ore in Serbia un’altra persona è morta a causa del virus, mentre altre 102 persone sono state infettate. Il numero totale di morti è di 263.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Immediatamente dopo essere arrivati ​​a Belgrado, siamo andati a fare i test. Il risultato mio e di mia moglie Jelena è positivo. I bambini sono negativi”, ha dichiarato ieri Djokovic.

Nella sessione odierna del personale di crisi della Repubblica, si è deciso di vietare le visite ai pazienti fino a nuovo avviso, di introdurre l’uso obbligatorio delle maschere nei mezzi pubblici, e si è raccomandato di indossare le maschere in tutti gli spazi chiusi.

Nella provincia tedesca della Renania settentrionale-Westfalia, sono state introdotte nuove misure restrittive di sette giorni in un distretto dove vivono circa 360.000 persone.

Dopo il bulgaro Grigor Dimitrov, anche il tennista serbo Viktor Troicki ha confermato di essere stato infettato dal virus.

Più di 9.150.000 casi di coronavirus sono stati registrati in tutto il mondo e 473.000 persone sono morte, secondo i dati della “Johns Hopkins University”.

Cosa sta succedendo in Serbia?

Un totale di 13.092 casi sono stati registrati in Serbia, attualmente 19 persone sono attaccate ai respiratori e 351.285 persone sono state testate dall’inizio della pandemia.

Il miglior tennista del mondo, Novak Djokovic, ha annunciato di essere positivo al coronavirus, così come sua moglie Jelena.

Il tennista serbo è stato criticato dall’opinione pubblica mondiale, perché, nonostante la pandemia, ha organizzato due tornei con grande affluenza di pubblico a Belgrado e Zara. Prima di lui, anche il tennista bulgaro Grigor Dimitrov, che aveva giocato a Belgrado, si era infettato.

Il centro clinico e ospedaliero di Bežanijska kosa diventerà una struttura Covid e le visite negli ospedali saranno vietate fino a nuovo avviso. Negli spazi aperti si consiglia una distanza di almeno un metro e mezzo e all’interno tutte le restrizioni che sono state in vigore finora rimangono tali.

L’epidemiologo Branislav Tiodorović ha affermato che, sebbene il numero di persone infette abbia avuto un balzo, non vi è alcuna giustificazione per reintrodurre lo stato di emergenza.

Lo stesso ha stimato che, a seconda del numero di nuovi contagiati, sarà necessario stringere e rilassare le misure un po’ alla volta.

“Questa è un’epidemia speciale, parte di una pandemia globale e dobbiamo agire di conseguenza”, ha detto Tiodorovic.

Commentando le accuse secondo cui i tempi di attesa per i risultati al test sono di sette giorni, Tiodorović ha dichiarato di non esserne al corrente: “I risultati arrivano subito, al massimo il giorno dopo. Il test PCR richiede un po’ più di tempo mentre quando si tratta di test sierologici il tempo di attesa è molto più breve”, ha detto l’epidemiologo.

Il network di ricerca “BIRN” ha pubblicato un testo in cui si afferma che 632 pazienti sarebbero morti a causa del virus in Serbia dal 19 marzo al 1° giugno 2020, cioè 388 in più rispetto al numero annunciato ufficialmente.

Il “BIRN” ha chiesto quindi “informazioni dettagliate sui dati che fanno parte del sistema informativo statale ufficiale COVID19”.

https://naslovi.net/2020-06-23/bbc-news/korona-virus-jos-102-slucaja-zaraze-u-srbiji-medju-njima-i-djokovic-u-americi-vise-od-120-000-smrtnih-slucajeva/25140192

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... coronavirus, Djokovic, maschere, misure restrittive
Vucic a Mosca da Putin per parlare della questione del Kosovo

L’epidemiologo Đurić: “Non ho capito la velocità di aprire al pubblico le partite”

Chiudi