1000 agenti di polizia si prenderanno cura di Izetbegovic

Il direttore dell’agenzia “Securitas” Mirsad Catic, i cui dipendenti erano guardie di sicurezza alla commemorazione di Srebrenica, si è scusato con il primo ministro serbo Aleksandar Vucic per attacco accaduto il 11 luglio. Catic ha detto al quotidiano “Blic” di essere dispiaciuto per tutto quello che è accaduto il 11 luglio a Potocari.

“Mi dispiace, sono pronto a scusarmi e mi scuso con il primo ministro serbo Aleksandar Vucic e con la gente di Serbia, soprattutto come un uomo, ma anche come bosniaco e un cittadino della Bosnia ed Erzegovina, nonché come qualcuno viene spesso a Belgrado, dove ho molti amici”, ha detto Catic. Nonostante il fatto che Catic è stato messo in collegamento con l’attacco al premier Vucic, lui ha sottolineato che né i lavoratori della “Securitas”, né lui stesso sono colpevoli colpevoli per l’incidente.

“In quanto agenzia privata, non abbiamo partecipato all’organizzazione della sicurezza della commemorazione , abbiamo solo aiutato questo evento permettendo ai nostri dipendenti di essere guardie di sicurezza, mentre il resto è stato sotto il comando delle istituzioni statali”, ha detto Catic, aggiungendo inoltre che spera sinceramente che gli aggressori saranno scoperti e assicurati al più presto alla giustizia.

Ricordaiamo che oggi il membro della Presidenza della Bosnia ed Erzegovina, Bakir Izetbegovic,insieme con gli altri due membri della Presidenza collettiva, visiterà Belgrado, mentre per la loro sicurezza si prenderanno cura 1.000 agenti di polizia in divisa e in borghese.

(Blic, 20.07.2015)

 

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, governo, governo Vucic
Vucic: “La Norvegia è un ottimo esempio per la Serbia”

David McAllister a Belgrado
Close